Pubblicato il

Come ti elettrizzo la full

C’è da fare una lunga premessa.

La motorizzazione di una MTB bi-ammortizzata (detta anche full suspended o semplicemente full) pone problemi maggiori rispetto ad una mono-ammortizzata (front) per tre ordini di motivi:

  1. POSIZIONE BATTERIA – Il leveraggio del carro posteriore e il relativo ammortizzatore invadono il triangolo del telaio rendendo difficile se non impossibile il posizionamento di una batteria di sufficiente capacità e volume. Restano spesso possibili solo soluzioni non ottimali come pacchi sottosella, o molto costose come il far realizzare un pacco batteria su misura
  2. POSIZIONE MOTORE – La prerogativa stessa di una full rende sconsigliabile l’aumento delle masse non sospese che deriverebbe dall’adozione di un motore al mozzo, o quantomeno ne limita fortemente il peso. Andrebbero quindi evitati proprio i motori contraddistinti da forte tiro ai bassi regimi più adatti alle e-MTB in quanto normalmente più grandi e pesanti dei loro omologhi stradali. Il motore centrale sembra quindi una strada quasi obbligata per una full, e questo già comporta una riduzione delle alternative ed un aumento dei costi di conversione. Per di più la maggior parte delle full di buon livello attualmente in produzione utilizzano movimenti centrali di tipo press-fit delle più varie dimensioni al posto del classico BSA 33x68mm. I motori centrali per retrofit, tipicamente pensati per un BSA 68mm, richiedono ben che vada adattamenti complicati e di dubbia affidabilità
  3. PREZZO – E’ difficile trovare una full muscolare di buon livello al di sotto dei 1000€, e per molti marchi l’entry level è posizionato ben più in alto. Mentre una front relativamente economica può costituire una ottima base per una motorizzazione, la stessa cifra investita in una full ci porterebbe in casa un “cancello” pesante e poco funzionale, i cui limiti resterebbero evidenti anche dopo la conversione.
    Se al prezzo di acquisto di una bici adeguata si sommano gli extra-costi derivanti dai punti 1 e 2 si arriva facilmente ad una cifra difficilmente giustificabile in relazione a quanto richiesto da una e-MTB full “nativa”

Le cose cambiano ovviamente se si dispone già di una buona bici bi-ammortizzata, o se si riesce a fare qualche buon affare sul mercato dell’usato. Al solito il consiglio è guardare nella vasta offerta delle bici a 26”: oltre a trovare ottime bici, neanche troppo vecchie, deprezzate dall’essere ormai fuori moda, è probabile che con esse si superi almeno il problema del movimento centrale press-fit, qualche anno fa ancora scarsamente diffuso. (ecco un ottimo esempio)

Si tratta però di soluzioni estemporanee, da valutare caso per caso. Resta il problema di individuare tra le bici in produzione, tecnicamente aggiornate e facilmente reperibili, dei modelli che si prestino alla motorizzazione superando accettabilmente i problemi sopra esposti.

img_20161010_195505_1481701224692_5 La proposta che presentiamo, basata sulla RockRider 720S, ci è sembrata una ottima soluzione del problema. La bici, attualmente in vendita anche online (sul sito Decathlon) a 799€, ha un interessantissimo rapporto qualità/prezzo, basti pensare alle sospensioni ad aria difficilmente rintracciabili su bici di questa fascia di prezzo, front incluse. Anche il principale limite della bici, ovvero l’ammortizzatore posteriore non bloccabile, diventa irrilevante nell’ottica dell’uso assistito dal motore. img_20161010_195244_1481701223732_3

Oltre ad essere valida in assoluto, la ciclistica ben si adatta alla motorizzazione: la batteria trova spazio nel telaio, sia pure millimetrico, ed il movimento centrale “classico” non pone problemi all’inserimento del piccolo motore centrale “Torque”.
img_20161010_194101_1481701224265_4

Quest’ultimo è stato ruotato in avanti ed ancorato al tubo obliquo, non potendosi sfruttare il normale ancoraggio al carro posteriore dato che in una full esso è mobile. In questo modo si è anche ottenuto un leggero sollevamento del motore, distanziandolo maggiormente dal terreno. L’adozione di un pacco pignoni 11-42 ripristina una sufficiente gamma di rapporti a seguito dell’eliminazione del deragliatore anteriore per far posto al motore.

Il risultato è una bici compatta, molto godibile, reattiva alla pedalata ed estremamente guidabile. I percorsi più impegnativi evidenziano la perfetta sinergia tra motorizzazione e telaio: la ruota posteriore segue fedelmente il terreno e mantiene la trazione anche sullo sconnesso, mentre il controllo di coppia consente di modulare perfettamente la potenza erogata evitando i pattinamenti. La reattività del sistema consente di attingere istantaneamente alla riserva di potenza necessaria per superare un ostacolo improvviso, per poi calare altrettanto rapidamente quando invece c’è da effettuare un brusco cambio traiettoria.

In conclusione si tratta di una bici che trasmette sicurezza anche nei passaggi più difficili, con una assistenza naturale e non invasiva che consente di non andare in affanno ma al tempo stesso mantiene tutto il piacere del pedalare.

SCHEDA TECNICA

Bicicletta Btwin RockRider 700S
Motore TSDZ2 Torque Mid Drive
Sensore Torsiometro incorporato
Controller Sine wave incorporato
Batteria Phylion SF-06 11,6Ah
Accessori Cassetta SunRace MS3 11-42T
Peso complessivo 21Kg

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *